10
ott

0
etimologia1

Comunicare

L’etimologia della parola , molto frequente nel lavoro del formatore, permette di cogliere sia l’idea del dovere che quella del dono. Termini che,   nascosti nella storia della parola , forniscono al formatore spunti per interessanti elaborazioni .

L’aggettivo  mūnis ‘che assolve il proprio compito’ deriva da  mūnus,  che ha diversi significati ‘prestazione , compito, ufficio, dovere, obbligo’ Chi era privo di incarichi e libero da prestazioni e pubblici servizi era immūnis.

Un altro significato di mūnus è ‘dono, regalo come tributo d’affetto e  di cortesia’. L’aggettivomunifĭcus oltre che ‘generoso, liberale, splendido ’, significava anche ‘che adempie al dovere, che paga le tasse’. La radice indeuropea *mei- significa anche ‘scambiare’.

”La radice mei- corrisponde ad un’idea di ‘passaggio’, ‘scambio’,’alternanza’. Potremmo anche dire di equilibrio complessivo e di continuo divenire”(Varanini, pag.61).

Il  municĭpĭum, che indicava una città alleata di Roma ai cui abitanti era riconosciuta la cittadinanza romana, composto di mūnus  ‘obbligo, ufficio’ e da  capĕre ‘che partecipa agli obblighi’ e l’abitante era il mūnĭceps.

Nel ‘Comune’ si partecipa agli obblighi e si condividono beni e servizi. Il suo opposto è  proprĭus‘esclusivo, personale; appropriato’, da  pro prīvo ‘a titolo particolare’ da cui  privātus ‘personale, particolare’, propriamente ‘separato dagli altri, isolato’, deriva dal part. pass. di privāre ‘spogliare; separare; esentare’.

“Communis è ciò che non è ‘personale’, ‘proprio’. Ciò che inizialmente è ‘condiviso da altri’finisce per essere ‘condiviso da tutti’: e perciò ‘comune’anche nel senso di ‘volgare’ e ‘mediocre’”(Varanini pag.61)

Il verbo comunicare e le parole ricavate dalla lettura etimologica  possono servire per alcune divagazioni. Una riguarda  la parola  mūnus , la sua presenza in municipio e munifico e i due significati di compito, dovere e l’altro di dono.

Si può dedurre che quando si comunica (ad esempio) una scadenza sarà il significato di compito,dovere ad essere prevalente nell’uso del verbo. Quando invece si comunica all’interno di una relazione affettiva sarà prevalente il dono.

Compito deriva dal latino compŭtus ‘calcolo, conto’ ed aveva il significato di ‘quantità di lavoro assegnata e calcolata’

Dovere  dal latino debēre ‘dovere, esser debitore’ ottenuto da dē-, habēre quindi ‘detenere qualcosa di qualcun altro’

Dono deriva dalla radice *dō-/*da da cui il lat. dōs dōtis ‘dote’ e il verbo ‘dare’.

 

Se nell’aula di formazione si decide di fare riflettere sulla parola comunicare e vengono indicati i significati di mūnus, possono verificarsi emersioni dalla memoria di significati che rimandano a parole  quali municipio, comune, comunità, comunione, remunerare, munifico…